Abbronzatura sicura e dorata, ecco le 4 cose da evitare

abbronzatura donna
abbronzatura donna

E’ estate e dunque tempo di mare e come sempre in questo periodo gli esperti non fanno altro che ripetere di fare molta attenzione all’esposizione ai raggi solari, che come risaputo, possono davvero essere molto nocivi per la nostra pelle e in generale per la nostra salute. Ecco alcuni utili consigli per una completa protezione solare e ottenere un’abbronzatura sicura che possa proteggere la nostra pelle senza farci rinunciare alla tintarella dorata; l’abbronzatura piace a tutti e questo è un dato di fatto, ma è anche molto facile scottarsi o avere eritemi solari, se non si utilizza la giusta protezione prima di esporsi al sole.

Per una tintarella perfetta e sicura, attenzione a non commettere questi comuni errori:

  •  scegliere una crema solare a bassa protezione: spesso abbiamo fretta di abbronzarsi e per questo motivo ci esponiamo al sole con una protezione solare molto bassa, in modo da accelerare i risultati ma sappiate che questo è un errore perché è fondamentale utilizzare una protezione solare alta, soprattutto se si tratta delle prime esposizioni solari della stagione
  •  non mettere la protezione solare quando il cielo è nuvoloso: nelle giornate in cui il cielo è particolarmente cupo, non pensiate che non è importante mettere la crema perché i raggi del sole filtrano attraverso le nuvole e senza che ce ne rendiamo conto la nostra pelle è comunque esposta all’azione del sole e nel giro di qualche ora potreste mostrare rossori eritemi e scottature
  •  mettere la crema una sola volta: spesso si è soliti pensare che mettere la crema una sola volta sia sufficiente, ma in realtà non è così soprattutto se si fa il bagno in mare o una doccia rinfrescante. Il consiglio è quello di mettere la crema solare ogni due ore a prescindere dal bagno o dalla doccia rinfrescante
  • esporsi nelle ore più calde: uno degli errori più comuni per poter avere un’abbronzatura nel più breve tempo possibile è quello di esporsi nelle ore più calde, ovvero tra le ore 11:00 e le ore 16:00 quando l’irraggiamento e l’intensità dei raggi ultravioletti sono al massimo della loro potenza, ma sono anche più pericolosi perché penetrano in profondità e sono responsabili delle ustioni solari.