Allattamento al seno, tutto quello che bisogna sapere

allattamento seno
allattamento seno

Oggi vogliamo parlarvi dell’allattamento ovvero di quel processo con il quale una femmina di mammifero nutre il proprio neonato dalla nascita e durante il primo periodo di vita. Nello specifico, attraverso l‘allattamento al seno la madre nutre e accudisce il figlio nel periodo iniziale di vita ed è una delle caratteristiche fondamentali di tutti i mammiferi, essere umano compreso. Non è di certo una novità il fatto che il latte materno sia la cosa migliore per il bambino perché contiene non sono i nutrienti necessari per la sua crescita ma anche anticorpi, ormoni materni e sostanze in genere che lo fortificano e lo rendono il sistema immunitario pronto ad affrontare qualsiasi battaglia con il mondo esterno.

L’allattamento al seno oltre ad essere un processo fisiologico è anche un momento ricco di emozioni che contribuisce a creare un legame intenso tra mamma e bambino, aiutandoli a conoscersi ed a crescere insieme. Il seno per il bambino non rappresenta soltanto il nutrimento ma calore, sicurezza, benessere, protezione e talvolta anche conforto. Come abbiamo già detto, il latte materno è l’alimento più naturale per il bambino ed è ricco di benefici tra i quali: favorisce uno sviluppo fisiologico della bocca, riduce il rischio di allergie ed asma, riduce il rischio di morte in culla, così come il rischio di diabete, obesità, leucemia nell’infanzia, di infezioni respiratorie e urinari, otiti e diarrea.

L’allattamento non ha solo benefici per il piccolo ma anche per la mamma, perché aiuta a perdere il peso accumulato nel corso della gravidanza, riduce il rischio di sanguinamento post partum, riduce il rischio di alcune forme di tumore al seno all’endometrio e all’ovaio, così come il rischio di anemia di malattia cardiocircolatorie. Praticare l’allattamento al seno è molto semplice, ovvero basta appoggiare il piccolo nudo, coperto sulla schiena da un telo, a pancia in giù sul petto della mamma sempre nudo, in modo che il naso e la bocca del bambino siano liberi per respirare.