Come calcolare le settimane di gravidanza? Ecco come farlo

calcolo settimane gravidanza
calcolo settimane gravidanza

Come calcolare le settimane di gravidanza? Per chi non lo sapesse i medici e nello specifico i ginecologi, non ragionano in termini di mesi ma di settimane di gravidanza e proprio per questo motivo è importante calcolarle nel modo corretto. Nonostante si parli di mesi di gestazione il termine più idoneo è quello di settimane di gravidanza visto che è sulla base di queste che i medici stabiliscono l’epoca gestazionale e la data presunta del parto. Da quando avviene il concepimento, che comunque non sempre è facile datare, l’attesa dura circa 38 settimane. 

La data presunta del parto si calcola partendo dal primo giorno dell’ultimo ciclo mestruale e aggiungendo 40 settimane questo perché l’ovulazione avviene solitamente due settimane dopo l’inizio delle mestruazioni; va detto che più il ciclo è regolare e più accurato risulterà il calcolo. Dunque, se il ciclo dura meno di 28 giorni la nascita potrebbe avvenire in leggero anticipo, nel caso in cui invece il ciclo fosse più lungo, in leggero ritardo. Va sottolineato che si parla di data presunta proprio perché è una data piuttosto indicativa in quanto non vi è l’assoluta certezza che un bambino possa nascere nel giorno prestabilito. La gravidanza dunque si considera a termine dalla 37esima alla 42esima settimana di gestazione e come abbiamo già avuto modo di anticipare, l’età gestazionale si basa sull’ultima mestruazione e non sul momento del concepimento, che si presume avvenga due settimane dopo.

In molti pensano che la gestazione cominci nel momento del concepimento e in effetti teoricamente è così, ma le settimane di gravidanza come abbiamo già detto si contano a partire dal primo giorno delle ultime mestruazioni, dunque 10-15 giorni prima rispetto all’effettiva fecondazione; si tratta di una tecnica che permette una maggiore precisione. Oltre alle settimane di gravidanza, il calcolo ostetrico tiene conto anche dei giorni di gestazione per una maggiore precisione e a tal riguardo ecco spiegato il motivo per cui si parla ad esempio di 18 settimane+ 2 giorni oppure 32 settimane+ 4 giorni. Per poter stabilire la data presunta del parto si dovranno contare 40 settimane a partire dalla prima settimana di gravidanza, dunque dal primo giorno delle ultime mestruazioni.