Filler labbra, tecnica riempitiva: tutto ciò che c’è da sapere

filler labbra botox
filler labbra botox

Avete mai sentito parlare del Filler labbra? Trattasi di uno dei trattamenti più richiesti dalle donne insoddisfatte delle proprie labbra. Al giorno d’oggi la chirurgia estetica non è più solo un affare delle donne ma anche degli uomini, i quali sono diventati dei veri e propri narcisi ed anche loro sono sempre pronti ad intervenire sul proprio corpo per cambiare qualcosa che non gli piace vedere allo specchio.Il filler labbra, risulta essere uno degli interventi maggiormente richiesti dalle donne dopo il ritocco del decoltè, per ottenere delle labbra carnose e seducenti.

Nonostante siano tante le donne attratte dagli interventi di chirurgia estetica, poi sono soltanto alcune quelle che hanno il coraggio di sottoporsi alle mani del chirurgo pur di avere delle labbra carnose e seducenti. Prima di decidere di fare un filler alle labbra trattandosi di un intervento estetico a tutti gli effetti, va affrontato seriamente ed è bene sapere a cosa si va incontro. I filler per le labbra sono dunque dei trattamenti che consistono nell’ applicazione di una sostanza riempitiva, solitamente acido ialuronico, che penetrando all’interno dei tessuti cutanei aumenta il volume delle labbra e finte le micro rughe superficiali; le labbra grazie ai filler diventano dunque più piene e anche turgide.

Nonostante vengono definiti dei trattamenti MINI invasivi, perchè non lasciano cicatrici o inestetismi particolari, va detto che si tratta comunque di veri e propri interventi chirurgici. Una componente fondamentale dei filler, come già detto, è l‘acido ialuronico una sostanza prodotta dal corpo umano in modo naturale, nonché uno dei componenti più importanti dei tessuti connettivi. Viene applicata una pomata anestetica mezzora prima del trattamento che viene fatto per iniezione nella mucosa orale; l’intervento avviene generalmente in ambulatorio ed ha la durata di circa un’ora. Va anche detto che il trattamento prevede solitamente più applicazioni, dunque, il paziente deve essere informato dell’impossibilità di ottenere il risultato desiderato con una sola iniezione durante un’unica seduta.