Mamme e figli, acetone nei bambini: cos’è e quali sono i principali sintomi?

acetone bambini
acetone bambini

Oggi vogliamo parlarvi di un disturbo molto frequente nei bambini che mette in ansia tante mamme, ovvero l’acetone. Ma cos’è effettivamente? L‘acetone, come già abbiamo detto, altro non è che un disturbo che prende il nome proprio da un composto chimico, l’acetone appunto, che appartiene al gruppo dei chetoni o corpi chetonici. Sostanzialmente si tratta di sostanze che vengono normalmente prodotte dall’organismo in particolari condizioni in cui gli zuccheri, che sono il principale carburante energetico, scarseggiano per cui al loro posto vengono bruciati dei grassi.

Si tratta di un malessere generale che sostanzialmente causa i seguenti sintomi ovvero: mal di testa, spossatezza, inappetenza, dolori addominali e talvolta anche vomito.

L’acetone frequente nei bambini, perchè?

L’acetone chiamato anche chetosi, può essere definito un disturbo del metabolismo che si verifica nel momento in cui nell’organismo non si hanno più zuccheri da bruciare per produrre energia e iniziano ad essere bruciati i grassi. Secondo quanto riferito da alcuni esperti, qualora questo processo avvenga nei limiti, questo non comporta problemi. Nei neonati l’acetone sembra essere molto frequente, tanto che viene definito un normale processo fisiologico perché il latte di cui si nutrono è più ricco di grassi piuttosto che di zuccheri, ma qualora i corpi chetonici e dunque l’acetone vengano prodotti in quantità eccessive, questo potrebbe comportare uno stato di malessere.

Come abbiamo già avuto modo di anticipare, l’acetone è tipico dei bambini proprio perché gli organi nei quali vengono immagazzinati gli zuccheri, ovvero il fegato e i muscoli, hanno capacità di stoccaggio limitate rispetto a quello degli adulti e quindi basta davvero poco per far esaurire le scorte. Uno dei sintomi principali da attenzionare è quello dell’ odore caratteristico dell‘alito del bambino che sa di frutta molto matura, ed è un odore conferito proprio dall’accumulo in eccesso di acetone; come abbiamo visto, tra gli altri sintomi citiamo mal di testa, dolori addominali, spossatezza, inappetenza e vomito.