Home CAPELLI Tinture e prodotti per capelli possono causare cancro al seno?: ecco cosa...

Tinture e prodotti per capelli possono causare cancro al seno?: ecco cosa rivela uno studio americano

Tinture capelli e malattia cancro
Tinture capelli e malattia cancro

Stanno facendo molto preoccupare, negli ultimi giorni, i risultati ottenuti in seguito ad uno studio americano sul tema relativo al legame tra tinture per capelli e liscianti chimici e il cancro al seno. In realtà non è questa la prima volta in cui viene affrontato tale tema, già tempo fa a fare preoccupare erano state nel parole espresse da una ricercatrice finlandese la quale sembrerebbe avere trovato tracce del legame precedentemente citato ed ecco che negli ultimi giorni tale preoccupazione è tornata ad essere reale in seguito ai risultati ottenuti, come anticipato in precedenza, nel corso di uno studio americano. Per essere più precisi a finire sotto accusa per elevata cancerogenità sono state le tinture per capelli ma anche prodotti come ad esempio balsami e liscianti ma a tal proposito i ricercatori sono stati ben chiari nell’affermare di avere ottenuto, almeno per il momento, solo dati parziali e che quindi, per poter affermare con certezza quanto anticipato in precedenza bisognerà effettuare ulteriori test e indagini.

Sulla questione si è nello specifico espressa Stefania Gori, direttore del Dipartimento di Oncologia al Cancer Care Center dell’ospedale Sacro Cuore-Don Calabria di Negrar oltre che presidente eletto dell’Associazione Italiana Oncologia Medica la quale ha precisato che quelli che sono i meccanismi che legano tinture e cancro al seno ad oggi non sono ancora noti ma l’ipotesi avanzata è quella che proprio i prodotti per capelli precedentemente citati possano contenere delle sostanze definite appunto cancerogene “come per esempio le ammine aromatiche che, se assorbite dall’organismo, potrebbero determinare danni al Dna e favorire lo sviluppo di tumori”.

L’esperta ha poi proseguito affermando che proprio tali prodotti per capelli potrebbero contenere “fonti di estrogeni o di sostanze che interferiscono con la regolazione ormonale e un’eccessiva esposizione agli estrogeni rappresenta un fattore di rischio per il tumore al seno”.